Vai al contenuto

Cos’è un plantare sensomotorio?

➡️Introduzione:

Il concetto di plantare sensomotorio va oltre il semplice sostegno del piede; è un compagno attivo nei movimenti. Non si limita a correggere passivamente l’assetto del piede durante la camminata, ma si estende anche ad altre attività motorie. Un corretto appoggio del piede riveste un’importanza cruciale per prevenire problemi ortopedici, muscolari e persino cerebrali. Infatti, i piedi giocano un ruolo fondamentale nel regolare l’attività corporea, comunicando con i recettori cerebrali per mantenere l’equilibrio.

➡️Funzionamento:

Diversamente dai plantari tradizionali, il plantare sensomotorio non solo sostiene la struttura ossea, ma accompagna attivamente i movimenti grazie alla sua funzione propriocettiva. Di questo tipo di plantare non solo beneficia lo scheletro, ma anche l’apparato muscolare, agendo direttamente sul sistema nervoso attraverso il coinvolgimento attivo dei recettori. Questa interazione completa tra sistema scheletrico, muscolare e neurale consente correzioni sia a livello posturale che meccanico.

➡️Vantaggi:

L’utilizzo del plantare sensomotorio migliora la postura, la percezione sensoriale, la coordinazione dei movimenti, l’appoggio del piede e l’equilibrio. Favorisce un miglior equilibrio e una maggiore stabilità nei movimenti, offrendo anche un supporto prezioso per migliorare le prestazioni durante l’attività fisica, poiché riduce il carico su articolazioni e legamenti.

✔️Meccanismo innovativo:

Il plantare sensomotorio offre numerosi benefici grazie al principio della Pressione Indotta Neuromuscolare. Questo meccanismo agisce in modo trasversale sulla zona del metatarso e sotto la pianta del piede, attivando e inibendo la muscolatura in modo mirato. Il contatto uniforme delle dita con la superficie d’appoggio consente una percezione completa degli stimoli esterni, promuovendo la stimolazione e la percezione neuronale.

✔️Applicazioni:

Il plantare sensomotorio può essere utile per una vasta gamma di patologie e problemi muscolo-scheletrici, sia negli adulti che nei bambini. Tra le condizioni trattate vi sono i piedi piatti, la pronazione, la fascite plantare, le problematiche al polpaccio, le distorsioni, l’achillodinia e le contratture. Inoltre, può offrire un sostegno significativo anche in caso di disfunzioni del sistema nervoso, come il morbo di Parkinson.

Piattaforma di gestione del consenso di Real Cookie Banner